ASSOCIAZIONE O.N.L.U.S. FERITI E VITTIME DELLA CRIMINALITà E DEL DOVERE

FERVI[damente] CREDO nella solidarietà

 
Stampa
sabato 14 novembre 2015
Fervicredo, Orrore in Francia

“Portiamo sulla nostra pelle le conseguenze della ferocia altrui, e sappiamo che la vera difficoltà è per chi resta. Preghiamo per le Vittime e per le loro famiglie”  

Nessuno più di chi è rimasto Vittima di qualsiasi forma di criminalità e comunque del proprio Dovere sa cosa voglia dire confrontarsi con la ferocia di chi vuole imporsi sugli altri senza alcun rispetto neppure per ciò che dovrebbe essere sacro e inviolabile in tutto il mondo, in ogni cultura, in ogni paese. E nessuno più di chi dedica la vita a servire lo Stato può raggiungere un maggiore livello di empatia e dunque provare maggior dolore quando a pagare il delirio della violenza sono cittadini inermi che si è giurato di proteggere. Noi che rappresentiamo l’uno e l’altro, oggi,.....

Allegati
» >continua a leggere

domenica 25 ottobre 2015
Invalidità Vittime del Terrorismo e del Dovere: Parere Consiglio di Stato

Quesito in materia di valutazioni medico-legali effettuate dalle commissioni medico-ospedaliere in applicazione della normativa riguardante le vittime del dovere, del terrorismo e delle stragi di tale matrice, nonché della criminalità organizzata, delle estorsioni e dell’usura.

Il parere del Consiglio di Stato sul quesito posto dal Ministero dell'Interno, non è certamente un parere favorevole, lo stiamo valutando non mancheremo di far pervenire le nostre impressioni e interpretazioni.

Allegati
» scarica>

venerdì 2 ottobre 2015
Festival di Internazionale, fra gli ospiti Adriano Sofri. Fervicredo: Presenza ingombrante.

Inizia a Ferrara il Festival di Internazionale, fra gli ospiti Adriano Sofri. Fervicredo: “Presenza ingombrante che compromette il senso dell’iniziativa. Cultura significa anzitutto rispetto per la vita, bene che quest’uomo non ha esitato a distruggere. Vittime sempre dimenticate” 


giovedì 1 ottobre 2015
Milano, Onorare le Vittime non solo con i risarcimenti .

A Milano giardini intitolati ai Caduti di via Palestro, presente Fervicredo: “Onorare le Vittime non solo con i risarcimenti ma anche con la dovuta attenzione a chi ancora ogni giorno rischia vita e salute per la sicurezza altrui”

La città di Milano ha reso omaggio alla memoria delle Vittime della strage di via Palestro con due diverse commemorazioni che si sono tenute martedì 29 settembre. Prima, in via Morgagni, l’intitolazione dei giardinetti alle cinque persone che persero la vita per mano mafiosa il 27 luglio 1993; e poi, nella vicina caserma dei Vigili del Fuoco di via Benedetto Marcello, l’intitolazione dell’edificio ai tre Pompieri caduti quella sera in servizio: Carlo La Catena, Sergio Pasotto e Stefano Picerno - le altre due vittime furono l’Agente della Polizia municipale, Alessandro Ferrari, e Moussafir Driss, un immigrato di nazionalità marocchina che era fermo su una panchina nelle immediate vicinanze dell’obiettivo dell’attentato mafioso -.

Fra gli altri, anche Fervicredo era presente all’intitolazione, che giunge a 22 anni di distanza dal gravissimo attentato, “ma oggi – ha voluto sottolineare il Presidente, Mirko Schio – bando ad ogni tentazione polemica. Oggi è il giorno in cui le Istituzioni doverosamente onorano la memoria di chi si è donato agli altri fino a dare la vita o a rimetterci la salute. E’ il giorno, anche, di inevitabili riflessioni, sull’importanza di rispondere concretamente al sacrificio dei nostri eroi silenziosi non solo riconoscendo il dovuto risarcimento alle famiglie e alle persone che hanno subito perdite e danni inestimabili, ma anche manifestando il sacrosanto rispetto per chi, sulle orme delle Vittime del Dovere che ci hanno preceduto, continua a dedicare la propria esistenza alla sicurezza altrui rischiando quotidianamente e consapevolmente la propria vita e la propria salute”.  


venerdì 3 luglio 2015
Fervicredo convocata al Ministero della Giustizia solo poche ore prima di un incontro senza neppure sapere dove e per fare cosa.

Questo è il rispetto e la considerazione che si dimostrano verso di noi. Solo premure fasulle per ottenere consenso spendendo il nostro nome.


sabato 23 maggio 2015
Fervicredo nel giorno del XXIII anniversario della strage di Capaci

Questo un anno importante per la memoria di chi non c’è più e per chi è rimasto. Vittime del Dovere e familiari al primo posto nelle parole di tutte le Autorità a cominciare dalla Festa della Polizia”. L’Associazione domani a Palermo insieme al Coisp “per non dimenticare”

Allegati
» >continua a leggere

mercoledì 22 aprile 2015
Assemblea Generale della Fervicredo, un anno intenso e proficuo

Schio: “In tutti i modi e a tutti i livelli chi lavora con noi lo fa con il cuore, condividendo la nostra forza di rivivere fervidamente”

Allegati
» >continua a leggere

venerdì 13 marzo 2015
Fervicredo al Senato della Repubblica

Giovedì scorso al Senato della Repubblica grazie all'invito dell'Associazione Vittime del dovere, l'associazione Fervicredo rappresentata da Angelo Cellura e Mimmo Alfano ha partecipato alla conferenza stampa tenutasi nell'aula del Senato dedicata ai caduti di Nassirya e indetta per la presentazione di un disegno di legge sull' "Estensione alle vittime del dovere e della criminalità organizzata dei benefici riconosciuti alle vittime del terrorismo".

I firmatari del disegno di legge  i Senatori Aldo Di BIAGIO, Giorgio TONINI, Gianluca SUSTA e la Senatrice Erika Stefani, dopo avere illustrato la proposta di legge in questione lasciavano la parola al Presidente dell'Associazione "Vittime del Dovere" Emanuela Piantedosi che, davanti a un'aula gremitissima di persone, giornalisti e fotografi, ringraziava pubblicamente la presenza dell'Associazione Fervicredo. 

Guarda le foto>


venerdì 13 febbraio 2015
La vicinanza di Fervicredo alla Vedova del Brigadiere Volpi

“Così la legge non tutela i cittadini onesti”  

“Comprendiamo pienamente il drammatico sfogo di Bruna Scantamburlo, e le esprimiamo tutta la nostra solidarietà e la nostra vicinanza, perché conosciamo il senso di smarrimento e di abbandono che sta provando. Conosciamo il dolore di essere una Vittima o il Familiare di una Vittima che troppo ha pagato per tener fede al proprio dovere e per la violenza altrui.


giovedì 5 febbraio 2015
A otto anni dalla morte di Filippo Raciti Catania ha ricordato il Commissario Medaglia d’Oro al Valor Civile morto nell’adempimento del dovere

Il 2 febbraio la città di Catania ha voluto porgere un doveroso omaggio alla memoria di Filippo Raciti, il Commissario della Polizia di Stato rimasto ucciso nel corso degli scontri con ultras avvenuti fuori dallo stadio “Angelo Massimino” in occasione del derby Catania-Palermo il 2 febbraio 2007. Alla presenza delle Autorità, una corona d'alloro è stata posta davanti il monumento che ricorda Raciti, Medaglia d'Oro al Valor Civile, nello stadio Massimino, con una cerimonia per l'ottavo anniversario della morte cui hanno partecipato, tra gli altri, il Questore, Marcello Cardona, il prefetto Maria Guia Federico e il sindaco Enzo Bianco. Successivamente, nella la Basilica Cattedrale di Acireale, città di Filippo Raciti, è stata celebrata una messa in suffragio, officiata dal cappellano della polizia di Stato.


mercoledì 28 gennaio 2015
L’omaggio del neo Questore di Catania alle Vittime della Polizia di Stato cadute nell’adempimento del dovere

Il primo gesto compiuto dal nuovo Questore di Catania, insediatosi lunedì 26 gennaio, è stato rendere omaggio alle Vittime della Polizia di Stato cadute nell’adempimento del dovere.

Il dirigente superiore, Marcello Cardona, prima di qualsiasi altro impegno istituzionale, ha dedicato la propria attenzione ed il proprio pensiero ai colleghi deceduti. Anzitutto si è recato al cimitero di Acireale, per porgere un omaggio alla tomba e così alla memoria dell’Ispettore Capo Filippo Raciti, ucciso il 2 febbraio del 2007 nel corso degli scontri con tifosi avvenuti fuori dallo stadio Massimino in occasione del derby di calcio Catania-Palermo. Poi Cardona si è recato a deporre una corona d’alloro davanti alla lapide posta all’ingresso della Questura in memoria dei Poliziotti catanesi caduti nell’adempimento del dovere. Solo in seguito il Questore ha incontrato i dirigenti degli uffici della Questura e della Polizia di Stato di Catania e della provincia etnea, prima di vedere anche il Prefetto e il Sindaco.


giovedì 22 gennaio 2015
“Orrenda ignominia. Una Vittima del dovere è la massima espressione di onore e di lealtà”

Fervicredo interviene dopo le lettere scritte contro il Maresciallo Giuseppe Giangrande: “Orrenda ignominia. Una Vittima del dovere è la massima espressione di onore e di lealtà”

Lo squallore e l’ignominia rappresentata dalle lettere scritte contro Giuseppe Giangrande fanno il paio con la gravità del significato di questa orrida iniziativa. 


martedì 6 gennaio 2015
Firenze 16 Gennaio 2015 "Oltre il Dovere"

L’impatto traumatico dell’emergenza.

Palazzo Bastogi, via Cavour 18 ore 9 - Firenze-

Allegati
» locandina>

martedì 2 settembre 2014
Fervicredo Premio letterario al boss della Stidda

“Che squallore! Pensare di concedere un riconoscimento a un assassino è anche peggio che candidarsi a riceverlo. Vittime della criminalità oltraggiate senza fine”



giovedì 17 luglio 2014
A Roma intitolate ai due poliziotti Ninni Cassarà e Giovanni Liguori due aule della Scuola Superiore di Polizia. Commosso elogio del Presidente del Senato, Piero Grasso

Lunedì 15 luglio, a Palermo, si è tenuta la cerimonia di intitolazione di due aule della Scuola Superiore di Polizia una a Ninni Cassarà, Capo della Squadra Mobile di Palermo caduto sotto i colpi della mafia il 6 agosto 1985, e l’altra a Giovanni Liguori, un altro poliziotto morto durante l’adempimento del proprio dovere, Dirigente del 1° Reparto Volo a Pratica di Mare deceduto nello schianto dell’elicottero su cui si trovava.

Ospite dell’importante evento è stato un commosso Presidente del Senato, Pietro Grasso, che ha elogiato il valore straordinario di persone come quelle protagoniste della cerimonia, ricordando come Cassarà, con impareggiabile coraggio, nel corso di un’udienza in tribunale “aveva apertamente accusato i cugini Salvo, coloro che in quel periodo avevano in mano il potere in Sicilia”, nonché di come Paolo Borsellino, nella sua ultima intervista, raccontò che Cassarà, davanti al cadavere di Beppe Montana disse ‘così finiremo tutti’. Aveva la consapevolezza del suo destino – ha sottolineato Grasso -, ma continuò a contrastare la criminalità mafiosa”, e proprio in questo risiede l’esempio eccezionale di uomini come i due Poliziotti omaggiati a Roma.

“Le persone che seguiranno il loro esempio con la carriera in Polizia – ha poi concluso il Presidente del Senato -, potranno ricordare ciò che significa servire lo Stato fino all’estreme conseguenze”.


lunedì 14 luglio 2014
Fervicredo replica alle parole di Davanzo

“Invece di vergognarsi di non aver neppure pagato il proprio debito fino in fondo si permette di farsi beffe del dolore e del lutto di tanti italiani”  


venerdì 23 maggio 2014
Memory Day 23 Maggio Capaci (PA)

L’Associazione Fervicredo a Capaci per il Memory Day, il giorno del ricordo delle Vittime del terrorismo, della mafia, del Dovere e di ogni forma di criminalità.

guarda le foto>


venerdì 9 maggio 2014
“Giorno della Memoria delle Vittime del terrorismo e delle stragi”

9 Maggio 2014

Fervicredo come sempre presente: “Non una celebrazione vuota e formale ma un vero momento di riflessione e di impegno per la parte più valorosa e meritevole del Paese” 


giovedì 1 maggio 2014
Assemblea Generale della Fervicredo 2014

Assemblea Generale della Fervicredo, tante conferme e nuovi innesti nel Cda, Schio: “Una giornata speciale vissuta fra il bisogno e il dovere di ricordare e la voglia e la forza di rivivere”

guarda le foto>


Page 2 of 4First   Previous   1  [2]  3  4  Next   Last   

Copyright 1999 - | FER.VI.CR.eDO. Tutti i diritti riservati